Bici elettrica da città: quale tipologia di modello scegliere

La mobilità alternativa la fa da padrone, dalle biciclette elettriche ai monopattini alle altre soluzioni novità: grazie anche al bonus dato nei mesi scorsi sono sempre più le persone che si sono convinte a trovare un’alternativa ai mezzi e alle auto. Se le auto vengono lasciate da parte per i costi di gestione e per lo stress nel traffico, i mezzi vengono scartati per evitare contagi e per il ritardo. La bici elettrica diventa quindi una scelta vincente che piace a molti; pratica perché permette di schivare il traffico, è comoda perché consente l’accesso anche a zone a traffico limitato

Tipologie di bici elettrica: quale scegliere?

Il mercato delle biciclette elettriche è così in espansione che ha fornito al consumatore tantissime scelte diverse di e-bike; ciascuna tipologia risponde ad esigenze diverse e sono tutte meritevoli di attenzione. Per scegliere il modello giusto è importante analizzare le proprie esigenze, in modo da aver chiaro cosa si sta cercando in una bicicletta elettrica. La prima tipologia, e forse più comune. Importante è sottolineare la differenza tra bicicletta a pedalata assistita ed e-bike: la bicicletta elettrica da città, conosciuta anche come e-bike, monta una batteria e prevede quindi una soluzione di ricarica per poter funzionare ma necessita assolutamente del movimento dei piedi per poter funzionare. L’altra soluzione è invece considerata un vero e proprio ciclomotore tanto che può raggiungere fino ai 45km/h in alcuni casi e necessita quindi di un’assicurazione, un casco e di una immatricolazione. 

La city bike invece è il modello più pratico e apprezzato in città; ideale per uso urbano viene scelta perché elettrica e con pedalata assistita. Permette di muoversi con agilità in centro senza il problema del parcheggio e del traffico. Leggera e funzionale, viene spesso munita anche di cestino per poter fare commissioni; in questo caso si trovano tantissimi modelli diversi di design e colori diversi.

Il modello pieghevole è un altro dei popolari in città, viene scelto da chi utilizza anche i mezzi per gli spostamenti. Pensate ad esempio di fare un tratto in treno ma di poter poi evitare bus, tram e metro. La bici pieghevole ha un telaio molto leggero ed è facile sia da chiudere che da aprire.  Terzo modello che suggeriamo è la mountain bike elettrica, è un modello pensato per lo più per sportivi e per chi utilizza la bici per molti km. Chi ama il trekking più che la città dovrebbe preferire questo modello, in modo da poter affrontare anche sentieri impegnativi con più facilità. 

Perché acquistare una e-bike?

La mobilità alternativa per muoversi in città ha sempre più fan; sono sempre più numerose le persone che vagliano l’acquisto e procedono nel recarsi a lavoro proprio su due ruote. Tra le caratteristiche principali che fanno preferire una e-bike ad una classica bici c’è il costo dell’alimentazione basso che permette però di aumentare la velocità senza sudare, arrivando a lavoro senza problemi e necessità di cambio. Allo stesso tempo si tratta comunque un modo per fare esercizio, rispetto allo stare seduti su un mezzo fino alla via dell’ufficio. Con emissioni a zero e la possibilità di avere un mezzo silenzioso e che non faccia sudare, ha conquistato davvero tutti, indipendentemente da fasce d’età, genere e stile di vita.

Dove acquistare una bici elettrica economica

Siamo tutti tentati da acquistare un nuovo modello di e-bike ma come farlo risparmiando? La soluzione arriva direttamente dal sito di Cobran, uno shop specializzato nella vendita di biciclette per tutti che offre nella propria selezione anche una bici elettrica da città economica; questo modello che parte da meno di 550 euro è disponibile in tre diverse varianti colore e propone la versione base, quella accessoriata con borsa, cestino e porta cestino ed una speciale fall edition

Bici elettrica vs Bici a pedalata assistita: sono la stessa cosa?

Si parla spesso di queste due tipologie di bici come se fossero sinonimi ma è davvero così? La bici a pedalata assistita può essere riconosciuta come e-bike ed è una bici in cui a tutti gli effetti vengono aggiunti un motore e una batteria. La bicicletta a pedalata assistita aiuta il ciclista nella manovra di pedalata ma necessita comunque di un movimento sui pedali per poter funzionare. Insomma, questa tipologia di bicicletta non azzera la fatica ma aiuta a rendere più piacevole e meno difficoltosa la pedalata

La bicicletta elettrica è invece conosciuta anche come Speed Pedelec e viene dotata di un motore che permette di raggiungere una velocità massima tra i 25 Km/h e i 45 Km/h a seconda della tipologia. Essendo veri e propri piccoli ciclomotori in questo caso necessitano di una omologazione, una assicurazione e di un casco per circolare. Dovendo mettere il confronto sul piatto della bilancia è chiaro che tutti punterebbero alle E-Bike, sono sicuramente più pratiche in città per chi cerca un mezzo economico e sicuro con cui muoversi; inoltre fare un po’ di attività fisica fa davvero bene al sistema cardiovascolare e all’umore. In modo particolare le city bike sono particolarmente apprezzate da pendolari e da chi vive all’interno della città poiché grazie anche al sedile comodo e al portapacchi permette di effettuare consegne e commissioni in modo sicuro e veloce. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Ultimi Inserimenti di Categoria